latte-nobile

Consumate latte al mattino? Lo date al vostro bimbo? O lo utilizzate in cucina o per la preparazione di dolci? Volete conoscere un latte buono davvero, e soprattutto giusto?

E allora scopriamo il latte Nobile, un latte diverso, che fa bene sia all’animale sia a chi beve il suo latte.

Un latte è Nobile quando:

È buono: perché all’animale viene servito un pasto vario, naturale, saporito. Così come per la madre che allatta ciò che mangia influenza la qualità e il sapore del latte che dà al suo bambino, così un animale che mangia almeno 4 tipi diversi di erbe produce un latte più buono.

E’ pulito: perché gli allevamenti sono situati lontani da luoghi di scarico. Perché gli animali mangiano per più del 70% foraggio e non mangimi. Parliamo di un foraggio di eccellenza, con circa 4 tipi diversi di erbe e ciclicamente controllato per il rispetto di determinati standard di qualità nutrizionale. Vietati gli insilati, i mangimi OGM e gli integratori vitaminici e minerali.

E’ giusto: garantisce il benessere dell’animale. Parliamo di allevamenti che rispettano determinati requisiti di benessere e sicurezza, dove gli animali possano avere la giusta attenzione alla loro “vita quotidiana”, ad esempio adeguate dimensioni delle mangiatoie, spazi per il ristoro, preferenza al pascolo. Animali che possano morire di vecchiaia, e non da sforzo: gli allevamenti di latte convenzionale producono più 120 quintali di latte a lattazione, mentre quelli di latte Nobile più di 70 quintali a lattazione. Garantisce il benessere del produttore perché dà all’allevatore il giusto prezzo per il latte prodotto: il latte nobile sul mercato costa poco più di un latte “convenzionale” ma agli allevatori viene dato il doppio di ciò che solitamente percepiscono (circa 60 cent al litro).

E’ salutare: è un latte altamente digeribile, con pochi grassi, e una buona dose di antiossidanti. Un latte che produce circa 3,5% di grassi e 3,2% di proteine, con un rapporto tra Omega 6 e Omega 3 inferiore a 4, quindi con maggioranza di Omega 3, ossia quello che fa bene alla salute e con un valore di antiossidanti superiore a 10 (le erbe sono ricche di Betacarotene). E’ inoltre un latte leggero, ad altissima digeribilità, perfetto per chi ama il suo sapore e non vuole farne a meno.

Un progetto davvero Nobile insomma, che assicura la sopravvivenza di tutte quelle piccole aziende che ancora resistono sulle colline e montagne italiane e dà la possibilità al consumatore di poter scegliere la qualità del proprio latte. Consultate il sito per maggiori informazioni sul progetto e e sui punti vendita.

Ringraziamo per il prezioso contributo il Dott. Adriano Gallevi,  agronomo e membro del comitato Anfosc, associazione che ha ideato, implementato e certificate il Latte Nobile.